Guide

Come affrontare le frodi di alta stagione: una guida per i merchant

Ecco una checklist completa per garantire il successo della tua strategia di prevenzione delle frodi nella stagione di punta.

30 agosto, 2023
 ·  3 minuti

La stagione delle vacanze si avvicina rapidamente e per i merchant dell'e-commerce significa prepararsi a un'impennata degli acquisti online. Ma insieme alla gioia per l'aumento delle vendite, arriva anche la sfida di affrontare le frodi della stagione di punta. Per aiutarti a superare con successo questo periodo, abbiamo messo insieme alcuni consigli pratici e una comoda checklist.

Configurazione e regole antifrode

Ottimizzare e mantenere: Non c'è bisogno di farsi prendere dal panico se si dispone già di un solido sistema di prevenzione delle frodi. Bisogna concentrarsi sull'ottimizzazione del comportamento degli shopper nei periodi di alta stagione, piuttosto che sulla revisione della configurazione esistente. Un buon sistema di prevenzione delle frodi si traduce in un alto tasso di autorizzazioni e in un basso tasso di frodi/chargeback, che è possibile monitorare attraverso la dashboard Payment Insight.

Rivedere le regole di velocità: Durante l'alta stagione, gli shopper possono effettuare più acquisti per parenti e amici. Per tenere conto di questa eventualità, è opportuno considerare un ampliamento delle regole di velocità. Ad esempio, se la regola normale consente solo 2 o 3 transazioni in un arco di tempo limitato, è bene aumentare temporaneamente questo limite.

Ridurre le regole di uniformità: Le regole di uniformità sono progettate per far coincidere gli indirizzi di consegna e di fatturazione, nonché i Paesi dei clienti e dell'emittente. Tuttavia, durante l'alta stagione, questi controlli potrebbero generare falsi positivi, poiché le persone inviano regali a indirizzi diversi. Ridurre il rigore delle regole di uniformità e abbassare le soglie di blocco.

Flessibilità dello Shopper DNA: Nello Shopper DNA, in cui esaminiamo il rischio a livello di shopper piuttosto che di transazione, è preferibile ridurre le regole e consentire agli shopper di effettuare più di 1 o 2 transazioni in un periodo di tempo limitato. Se si dispone anche di soglie rigide sull'importo autorizzato in un determinato periodo di tempo, potrebbe essere vantaggioso consentire un importo più elevato di transazioni in quel periodo di tempo.

Creare un profilo per le stagioni di punta: Si consiglia di creare un nuovo profilo di rischio basato su quello esistente, ma con impostazioni più permissive per implementare queste regolazioni. Durante l'alta stagione, attribuire questo profilo meno rigido. Se si sospetta un comportamento insolito, è facile tornare al vecchio profilo di rischio.

Ecco una checklist riassuntiva da utilizzare:

  • Mantenere l'assetto antifrode esistente; concentrarsi sul comportamento degli shopper.

  • Buona impostazione = alto tasso di autorizzazione e basso tasso di frode/chargeback.

  • Concentrarsi sull'aumento delle conversioni e delle autorizzazioni per gli shopper fedeli.

  • Regolare le regole di velocità per essere più indulgenti durante l'alta stagione.

  • Ridurre le regole di uniformità per evitare i falsi positivi.

  • In Shopper DNA, dare priorità alla valutazione del rischio a livello di shopper e allentare le restrizioni sulle transazioni multiple in un arco di tempo limitato.

  • Creare un profilo di rischio diverso per l'alta stagione, facile da ripristinare se necessario.

Ottimizzazione delle conversioni

Comprendere 3D Secure: Adyen utilizza 3D Secure per l'autenticazione a due fattori nello Spazio economico europeo (SEE) e nel Regno Unito. Se da un lato fornisce protezione dalle frodi e un trasferimento di responsabilità, dall'altro può aggiungere attrito al processo di pagamento, riducendo potenzialmente i tassi di autorizzazione.

Sfruttare le esenzioni: Per aumentare la conversione durante i periodi di punta, sfruttate le esenzioni disponibili su Adyen. È possibile saltare la Strong Customer Authentication per le transazioni di basso valore (meno di 30 euro) o quando una transazione è considerata a basso rischio. È inoltre possibile richiedere esenzioni per gli shopper fedeli e per gli scenari a basso rischio.

Monitorare i comportamenti insoliti: Tieni d'occhio le transazioni che beneficiano di esenzioni. Se da un lato possono migliorare la conversione, dall'altro comportano un certo grado di rischio. Verificare costantemente la presenza di attività insolite o sospette durante questo periodo.

Ecco una checklist riassuntiva da utilizzare:

  • Comprendere l'impatto di 3D Secure sulla conversione e sul trasferimento di responsabilità.

  • Sfruttare le esenzioni di Adyen per il 3D Secure.

  • Rinunciare alla Strong Customer Authentication per le transazioni di basso valore (ad es. <30 euro) o a basso rischio.

  • Richiedere esenzioni per shopper fedeli e scenari a basso rischio.

  • Monitorare i comportamenti insoliti e i rischi durante l'utilizzo delle esenzioni.

Monitoraggio e analisi

Imparare dal passato: Prima che arrivi l'alta stagione, rivedere le prestazioni dell'anno precedente nello stesso periodo. Analizzare gli addebiti e le notifiche di frode ricevute a gennaio per identificare le aree di miglioramento.

Monitoraggio in tempo reale: Durante l'alta stagione, monitorare attentamente i tassi di rifiuto sulla Dashboard Risk and Dispute. Determinare se i problemi di tasso di autorizzazione derivano da rifiuti dell'emittente, da rifiuti di frode o da 3D Secure.

Adeguarsi in base alle necessità: Se i rifiuti di frode sono eccessivi, verificare quali sono le regole che li causano e apportare le modifiche necessarie.

Attenzione: tenere d'occhio le notifiche di frode e i chargeback in arrivo. Si ricordi che dopo la stagione di punta, a gennaio e febbraio, è possibile che si verifichino frodi e chargeback leggermente più elevati, il che è prevedibile dato l'aumento del traffico festivo.

Ecco una checklist riassuntiva da utilizzare:

  • Esaminare le prestazioni della stagione di punta dell'anno precedente per trarre spunti di riflessione.

  • Analizzare i chargeback e le notifiche di frode a partire da gennaio dell'anno scorso.

  • Monitorare i tassi di rifiuto su Risk and Dispute Dashboard.

  • Identificare i fattori che influenzano il tasso di autorizzazione (emittente, frode, 3DS).

  • Adattare le regole che causano un numero eccessivo di rifiuti di frode.

  • Prestare attenzione alle notifiche di frode e ai chargeback in arrivo.

  • Prevedere conteggi di frode più elevati dopo la stagione di punta; i tassi si normalizzano in seguito.

Conclusione

Seguendo questa lista di controllo, si sarà ben preparati a gestire le frodi dell'alta stagione, assicurando al contempo un'esperienza di acquisto senza problemi per i clienti. La chiave è trovare il giusto equilibrio tra sicurezza e convenienza. Buona fortuna!


Iscriviti alla nostra newsletter!

Compila il form e rimani aggiornato

Confermo di aver letto l'informativa sulla privacy di Adyen e acconsento all'utilizzo dei miei dati in conformità con essa.